Datos personales

San Martín de los Andes, Neuquén Patagonia, Argentina
Los Fresnos 525 Altos del Chapelco ** (8370)San Martín de los Andes, NQ ** Patagonia, Argentina ** mail: sergio@lu7ys.com.ar ** Skype: sergio.landoni . Los artículos aquí publicados pueden compartirse, replublicarse siempre indicando la fuente y la autoría

Lo Storico QSO di Carlos Braggio


Un Contatto Trascendentale

Lo Storico QSO di Carlos Braggio
Record di distanza (21 maggio, 1924)

Signore Carlos Braggio















La velocità con la quale si svolgerono i successi nell'attualità fa perdere di vista alcuni conoscimenti del passato, i quali meritano distaccarssi. Tale e' il caso dello storico comunicato tra Carlos Braggio, r-CB8, da Bernal, provincia di Buenos Aires, e Ivan O'Meara, r-2AC, da Gisborne, Nueva Zelandia, il quale stabilí il record mondiale di distanza in 11.000 km.
Questo successo causò una vera commozione, non solo tra gli affezionati alla radio di tutto il mondo, ma tra gli scientifici e i tecnici pure, perchè la sua realizzazione significò il dirupamento delle teorie sopra la propagazione delle onde elettromagnetiche della epoca, giacchè la banda utilizzata (2,5 Mc/s) stava praticamente inesplorata.
Nel nostro paese, un piccolo numero di persone si dedicavano a sperimentare con la nuova invenzione della radio, raggiungendo contattarsi fra loro e diffondendo musica e notizie di forma amateur. Il salto grande successe nella decada di 1920, quando si levò il segreto militare gelosamente guardato fino dalla Prima Guerra Mondiale, e arrivarono al nostro paese le prime valvole termoioniche. Questo popolarizzò la radio; alcune riviste della epoca pubblicavano articoli tecnichi con l'istruzioni per costruire gli equipaggiamenti; tra lei si distaccavano la Rivista Telegrafica e la Radio Rivista. Frattanto, Carlos Braggio e suo figlio Juan Carlos si sforzavano per perfezionare i recettori tornandogli piu scelti, raggiungendo ricevere stazioni da EE.UU., come la famosa KD-KA da Pittsburg, e sperando potere stabilire una comunicazione bilaterale. Il capotraffico della A.R.R.L., Fred Schenell, propose agli argentini usare la banda da 100 a 200 metri di longitudine d'onda (3 a 1,5 Mc/s), giacché la banda utilizzata finora (500 Kc/s) faceva impossibile la ricezione negli EE.UU. per le molestie delle broadcastings.
Frontespizio della Rivista Telegrafica
Si convenne la data di realizzazione dell`esperienza per i giorni 19 al 31 di maggio di 1924, e l`orario di trasmissione locale da 0200 a 0430, e per gli EE.UU. da 0500 a 0730, in ambidue casi ora di Greenwich (oggi UTC). Si stabilisse una longitudine d`onda fra 105 e 125 metri, e fra 150 e 200 metri (2,4 e 2,8 Mc/s, y 1,5 e 2 Mc/s), e si convenne in usare come modo di trasmissione la telegrafia, per il suo rendimento maggiore.
Carlos Braggio e suo figlio rapidamente improvvisarono un trasmissore, sistema Hartley auto-eccitato con 4 valvole Radiotron 203A di 50 W di dissipazione, con 1000 volts in placca, questo proporzionava una potenza di approssimativamente 300 W. Il recettore era un rigenerativo diretto con 2 valvole. L`antenna era aperiodica (non risonante), tipo gabbia e sopportata in forma verticale per un asta di 33 metri d`altitudine, con contrantenna di 8 fili orizzontali di 12 metri di lungo, sintonizzate per variometri
Nella notte del 20 al 21 di maggio, come nell`anteriori, Braggio e suo figlio facevano prove senza risultati positivi, giacché ascoltavano stazioni americane ma non potevano stabilire contatto. Alle 0355 del giorno 21, innanzi a stare per riposare, deciderono fare un`ultima chiamata. Passato il cambio, riceverono risposta d`una stazione sconosciuta che li invitavano a conversare. Braggio le chiese QRA e QTH, e fu allora quando si produsse la sorpresa: "Le risponde 2AC, Gisborne, Nuova Zelandia". L`emozione dové essere stato indescrittibile per questi affezionati, che operando questi modesti equipaggiamenti comunicavano a tanta distanza. Secondo Carlos Braggio, il comunicato si svolgette della seguente forma:

Copia del telegramma di confermazione

"Dopo un chiamato CQ a Nordamerica, sintonizo l`stazione 2AC che chiama a CB8.
Le rispondo domandando QRA. Mi contesta:
2AC:-2AC, Nuova Zelandia, le sue segnali QSA.
CB8:-Molto felice di ricevere la sua risposta, lo quale e` una buona marca. Congratulazioni, QRA.
2AC:-Grazie!, congratulazioni anche per lei, QRA.
CB8:-Il mio nome e` Carlos Braggio, via Alsina 412, Buenos Aires, le prego mi dica il suo indirizzo, io desidero scambiare un telegramma -...(La risposta di 2AC fu interrotta per la statica).
2AC:-Per favore, ripeti il suo nome e indirizzo. - Le sue segnali molto migliore adesso.
CB8:-Ricevuto perfettamente. Le sue segnali variano molto. Adesso, lei ha un nuovo amico qui. Domani le chiamero alle 0700 GMT; abbiamo tempo cattivo, scariche, e piove. Nuove congratulazioni. Qui sono le 0540 a.m. Buon giorno e adomani.
Recettore utilizzato nello Storico Comunicato
2AC:-Qui sono le 0950 p.m. Bene, alle 0700 della matina. E già il giorno lí?
CB8:-No, ma è spuntando l`alba. Ci sono molte scariche. Buon giorno, a domani.

Dopo alcune ore, Braggio mandò un telegramma a O'Meara, il quale fu risposto e apparisce nella fotografia come prova contundente dello storico comunicato.
Questi modesti e meritori radioamatori mostrarono la via per il posteriore sviluppo delle comunicazioni internazionali; per ciò, questo successo merita l`ammirazione e il ricordo affettuoso di tutti noi.

Articolo redatto con paragrafi estratti della rivista del Radio Club Argentino - Aprile di 1999